• Home »
  • CUCINA »
  • Piano di lavoro cucina: Guida all’acquisto di Materiali e Funzionalità
Piano di lavoro cucina: Guida all’acquisto di Materiali e Funzionalità

Piano di lavoro cucina: Guida all’acquisto di Materiali e Funzionalità

(Ultimo aggiornamento: Agosto 2, 2019)

Il piano di lavoro cucina è il cuore pulsante dell’intera cucina. E’ parte integrante del top che unisce tutti i pezzi insieme e crea la linea armoniosa che abbiamo deciso di dare alla nostra cucina.

Appoggio e preparazione degli alimenti richiedono l’indispensabile presenza del piano di lavoro in cucina, nulla riusciremmo a concludere senza di lui, è giusto quindi dedicargli l’attenzione che merita.

Materiali usati per il piano di lavoro cucina

Tutti diversi tra loro e anche molto particolari nelle cucine moderne, i piani lavoro diventano una scelta importante nella composizione della cucina.

Piano di lavoro in acciaio

Robusto, estremamente igienico (infatti i piani lavoro delle cucine degli chef pluristellati ma anche delle semplici trattorie sono in acciaio, fateci caso), indeformabile e resistente alle alte temperature l’acciaio inox è il materiale da cucina per eccellenza.

Unica grande pecca di questo materiale è la facilità con cui si può graffiare e, per questo, necessita di una pulizia costante e con l’utilizzo di prodotti specifici.

Un piccolo ma utile consiglio per una pulizia dell’acciaio tutta al naturale è quello di utilizzare dell’aceto bianco puro:

  • distribuire l’aceto sul piano con un panno umido
  • risciacquare la superficie
  • asciugare con un panno in cotone
  • stop aloni e acciaio brillante

Piano di lavoro in lega

Le leghe rappresentano il futuro, la ricerca, la realizzazione di materiali resistenti, indeformabili e antigraffio creati direttamente in laboratorio.

L’obiettivo primario della creazione delle leghe è quello di semplificare riuscendo ad ottenere il massimo risultato al minimo prezzo. Ideali per le cucine più moderne richiedono una minima manutenzione e cura quotidiana.

Un esempio di lega molto utilizzata per il piano lavoro cucina è il Dekton che è molto resistente alle abrasioni e alle alte temperature. Poi c’è il Paperstone che parte da una base di carta riciclata quindi altamente ecosostenibile oltre che resistente e leggero.

Piano di lavoro in pietra

Il primo pensiero va sicuramente ai marmi, quando si parla di piano lavoro cucina, pregiati e scenografici per poi passare ai graniti, più economici e semplici.

In realtà per creare un piano lavoro in pietra la scelta è veramente ampia, uniche caratteristiche che accomunano tutte sono:

  • resistenza
  • tenuta di temperatura
  • bellezza

Grande pecca per questo tipo di scelta sono i costi: decisamente elevati in generale per tutte le pietre naturali ma spiccano il volo quando si comincia a parlare di marmo naturale e porfidio.

Piano di lavoro cucina in legno

Il legno è senza dubbio il materiale dei materiali in generale. Tutto può essere realizzato in legno, vedi anche l’arredamento del soggiorno o della zona notte.

Se parliamo di cucine in legno, poi, si apre un mondo vastissimo di modelli che riescono a conciliare l’esaltazione della bellezza naturale del legno all’effetto rustico e familiare che questo materiale riesce a trasmettere.

Il piano lavoro cucina, però, può essere adattato alle esigenze sia economiche che funzionali quando parliamo del legno e le scelte sono:

  • laminati o impiallacciati: opportunamente trattati per diventare impermeabili, resistenti ai graffi e alle alte temperature
  • legno massello

La scelta del piano lavoro in legno sarà sicuramente garanzia di resa eterna e bellezza inequivocabile ma, di sicuro, richiederà cura e manutenzione costante per non perdere splendore e funzionalità.

Punto di forza dell’ambiente, funzionale e bello da vedere, tutto questo deve essere un piano di lavoro cucina per poter raggiungere il suo scopo ma, alla base di tutto, c’è sempre e comunque il nostro obiettivo nel momento in cui decidiamo come dovrà essere la nostra cucina e quanto abbiamo intenzione di usarla.

Che piano lavoro preferiresti per una cucina moderna? Abbineresti un piano lavoro in leghe a una cucina classica?